settembre

Argomenti vari, Viaggi  Tagged , Commenti disabilitati

pere selvatiche

 

 

 

 

 

 

 

 

 

fichi d'india

 

 

 

 

 

 

 

 

gabbiani che riprendono possesso del loro habitat

 

 

 

 

 

 

 

 

 

giardino sabbioso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

?

Il montiferru è ricchissimo di acqua..

On the road  Tagged , , Commenti disabilitati


Nei boschi e nei paesi di questa regione c’è grande abbondanza di sorgenti.Cuglieri,una meravigia che si estende dalla montagna al mare, è ricca di fontanelle e di sorgenti di un acqua fresca e leggera.
Fino a quando?
Gli scienziati pensano che fra 50 anni non ci sarà più acqua dolce a sufficenza per garantire una sana sopravvivenza a tutti gli esseri viventi.
Effetto serra e grandi opere lavorano insieme per la distruzione delle riserve naturali delle acque, creando anche squilibri climatici.
I lavori di scavo per le gallerie dell’alta velocità,hanno distrutto centinaia di falde, lasciando piccoli sobborghi urbani urbani senza acqua.
Vedi la regione del Mugello in Toscana.
Avere un anima libera, significa avere anche una coscenza dei motivi della distruzione della natura.
Basterebbe uscire dal giro vizioso degli interessi economici, ed iniziare a mettere al primo posto il benessere e la salute di tutta l’umanità e di tutti gli animali, quindi, la salute del pianeta.Sarà facile che rinuncino ad accumulare capitali?
Alla fine l’acqua è diventata un bisogno mentre dovrebbe essere un diritto

Almeno una volta nella vita, le bellezze segrete del Montiferru a Cuglieri

Argomenti vari  Tagged , , Commenti disabilitati


Almeno una volta nella vita, è necessario farsi catturare dal fascino di un posto meraviglioso.

Spazi a disposizione da maggio a ottobre, e nel periodo natalizio e pasquale,per gruppi di cinque persone (sei al massimo compresi i bambini) per periodi di almeno una settimana .

Alla scoperta della Sardegna sconosciuta. I segreti del Montiferru, tra i boschi di lecci, e il profumo della macchia mediterranea.
A dieci minuti dal mare, nelle spiagge piu belle del mondo, in una delle zone più ricche di corsi d?acqua e sorgenti.

La cucina casalinga.
Possibilità di degustare la cucina tipica locale, dai sapori e profumi semplici, indimenticabili e molto particolari.

Mercatini dell?artigianato e dei prodotti alimentari locali.
Miele di corbezzolo, torrone di Tonara, bottarga, salsiccia alla vernaccia, e gli insuperabili formaggi pecorini.

Trekking Immersione nella natura intattaPossibilità di escursioni organizzate, nel verde lungo i corsi d’acqua, e altro.

Birdwatching .
Osservazione dei falchi, dei fenicotteri rosa, nei loro habitat naturali.

A Cuglieri (Or), sulla costa occidentale della Sardegna
Per lo sviluppo di un turismo sostenibile
nel pieno rispetto della natura, delle culture, ma anche dei nostri ritmi naturali.
(ass. D.E.A. per la rivalutazione del territorio e della sua cultura)

Per preventivi e informazioni:
sardegnaamoremio@katamail.com
arte_misia@msn.com

o “contatta l’autore” attraverso il blog

Riferimenti: maialetto arrosto

Trekking a PIEDI nella zona del MONTIFERRU-

On the road  Tagged , , , , 5 Commenti »


Il Montiferru è una delle zone più boscose della Sardegna. A nord dell’altopiano di ABBASANTA,è zona ricchissima di sorgenti.
Camminando tra i lecci e i sugheri, è possibile incontrare cinghiali e osservare il volo dei falchi che nidificano nei roccioni verso l’inizio dell’autunno, oppure intravedere una poiana sbucata fuori da un olivastro incespugliato.
Andare in Sardegna in questo periodo significa trovare prati verdi e fiori,e respirare il profumo delle erbe tipiche che crescono in quantità nei campi. Non a caso il pecorino sardo ha un sapore particolare ed inimitabile; fatto dal latte delle pecore che pascolano nelle nostre zone.

COME MUOVERSI
secondo la stagione, partire leggeri e con scarpe comode, cappello e occhiali da sole
COSA PORTARE
Un binocolo per osservare gli uccelli, una macchina fotografica, qualche panino e una borraccia da riempire ad una delle tante sorgenti.
COSA NON PORTARE
Evitare di portarsi dietro le sigarette.

Partendo da Cuglieri: dall’antica fontana romana ” de tiu memmere ” si snoda una strada sterrata che dopo mezz’ora di cammino si divide in due.
prendendo quella di sinistra inizia l’avventura della risalita del fiume fino alle sue cascate. Su uno scoglio è possibile fermarsi a mangiare.
tornando indietro,si può usufruire di una casetta di pietra,super minimalista, dove poter soffermarsi ad osservare i falchi, e raccogliere qualche frutto. E’ un posto che uno di noi mette a disposizione delle iniziative del nostro gruppo. E’ una baracca immersa in un giardino di olivi,sotto il roccione dove nidificano i falchi,dove resistono le rovine de su casteddu ezzu.
Si possono incontrare greggi di pecore e maiali allo stato brado. Ma niente paura, l’uomo è l’animale più pericoloso e più temuto.
Non vi viene voglia di farvi un giro?
Riferimenti: tuvu rundine


WordPress Theme & Icons by N.Design Studio. WPMU Theme pack by WPMU-DEV.
Entries RSS Comments RSS Accedi