“Fra le dita cerchiate di anellini di metallo,
Olì recava striscie di scarlatto e nastri coi
quali voleva segnare i fiori di San Giovanni,
cioè i cespugli di verbasco, di timo e d’asfodelo
da cogliere l’indomani all’alba per farne medicinali ed amuleti.

(Dal romanzo Cenere di Grazia Deledda)
                                                                                                                                                                                    ?%